Mafia: Ferraro, Woityla parlò col cuore

Venticinque anni fa, il 9 maggio 1993, Papa Wojtyla lanciò da Agrigento il suo anatema contro i mafiosi invocando la loro conversione. Dalla Valle dei Templi partì forte il suo grido "Convertitevi! Un giorno verrà il giudizio di Dio". Accanto a lui c'era l'arcivescovo di Agrigento, Carmelo Ferraro, che oggi nel suo 'ritiro' di Punta Braccetto, nel Ragusano, ricorda il discorso di Papa Giovanni Paolo II. "Il Papa ci parlò da cuore a cuore - ricorda l'arcivescovo emerito di Agrigento - usando una voce talmente forte da trasformare in un grido quel suo invito alla conversione. La mafia si vendicò poi con le bombe a San Giovanni in Laterano e a San Giorgio al Velabro e con l'uccisione di don Pino Puglisi. Era probabilmente il segno che il grido del Papa aveva fatto breccia".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Siracusa Times
  2. La Gazzetta Sicuracusana
  3. Siracusa Times
  4. SiracusaOggi
  5. Nuovo Sud.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Solarino

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...